Una segnalazione dell’antiriciclaggio si mette di traverso fra il Cav e la strada del Quirinale

·2 minuto per la lettura
Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

A chiedersi chi sia Julinda Llupo, la donna che ha ricevuto 70mila euro da Silvio Berlusconi, non sono poi così tanti, ma quei pochi che se lo chiedono sono roba da intraversarsi fra il Cav ed il Quirinale. E se c’è un dato fantapolitico oggi è quello per cui se una “traversa” fra il leader di Forza Italia ed il Colle doveva essere messa quella traversa ha origini interne, magari negli ambienti che hanno necessità sbrigativa di cassare l’imbarazzo per una candidatura che non regge più.

Julinda Llupo, Silvio Berlusconi e l’antiriciclaggio: addio sogni di Colle

Se lo chiede ad esempio l’ufficio antiriciclaggio di Banca d’Italia, che secondo Emiliano Fittipaldi su Domani ha ricevuto una segnalazione in merito a quella somma che dal conto Ubi banca di Berlusconi sarebbe arrivata in nove rate nella disponibilità della Llupo.

Cosa fa Julinda Llupo e cosa avrebbe fatto per lei Silvio Berlusconi

Costei è una donna classe 1987, nata a Tirana, che gestisce insieme a quello che viene indicato come il compagno Edoardo Maria Lofoco alcuni bed & breakfast nella zona di piazza Cavour. La causale di quei bonifici sarebbe vaga ed ascrivibile al solito mainstream donereccio del Cav: prestiti o regali. Perché c’è un’indagine su quei soldi? Perché si deve capire il senso di quella “operatività “anomala riconducibile a persone fisiche/giuridiche collegate”.

Julinda Llupo pagherebbe il fitto al pm di Cassazione che accusò Silvio Berlusconi in un filone di Mediatrade

E nella vicenda suo malgrado “quirinalizia”non mancano comprimari di lusso: Cosimo D’Arrigo, magistrato di Cassazione che in uno dei filoni del processo Mediatrade incarnò l’accusa contro Berlusconi e che sarebbe il locatore della Llupo. Poi lo stesso “compagno”, che sui social si spertica negli auguri a Berlusconi ed ha foto con volti noti della politica italiana. Open spiega che da febbraio a ottobre la donna “ha incassato in tutto 62.500 euro. A novembre e dicembre 2020 l’antiriciclaggio ha segnalato altri 5mila euro in arrivo”. La Llupo risulta “socia di una società che si chiama L3L-Co. Le quote le sono state cedute dal compagno. Nel 2019 la società fatturava 473mila euro e aveva 20 mila euro di utili. Poi con la pandemia ha perso il 90% dei ricavi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli