Uncem: inaccettabile Mediaset che non riattiva ripetitori in montagna

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 6 ago. (askanews) - "Mediaset non riattiverà i suoi impianti dismessi negli ultimi mesi nelle valli alpine e appenniniche, a causa del cambio di frequenze. La risposta è stata data nelle scorse ore tramite Pec da Alessandro Capuzzello, direttore generale di Elettronica Industriale Spa, società del Gruppo Mediaset, al presidente dell'Unione montana Valle Stura. Spenti e non riaccesi. Inaccettabile". Lo afferma Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem, Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani.

"Avremmo auspicato una risposta diversa. Nonostante la disponibilità data da Elettronica Industriale nel 'valutare eventuali possibili alternative, idonee a soddisfare le esigenze rappresentate' dall'Ente, i ripetitori non verranno riattivati. Non possiamo accettarlo. Auspichiamo Mediaset risponda alle richieste del Mise, dopo la convocazione al tavolo che ha ricevuto, e intervenga sui ripetitori delle valli alpini e appenniniche. Lo spegnimento comporta il dover trovare idonee e celeri soluzioni per l'utenza, ovvero le comunità, ovvero i cittadini. Mediaset smobilita e non cerca soluzioni con gli Enti locali. Non possiamo accettarlo. Sono certo che il ministro Giorgetti e la Sottosegretaria Ascani impegneranno l'azienda, in un tavolo nazionale, a iniziative per superare la grave situazione creatasi dopo lo spegnimento dei ripetitori", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli