Uncini in Fondazione Marconi, mostra prorogata fino a 8 febbraio

Lme

Milano, 17 dic. (askanews) - La mostra "Giuseppe Uncini. La conquista dell'ombra" dedicata al lavoro dell'artista marchigiano tra il 1968 e il 1977, sarà prorogata alla Fondazione Marconi di Milano fino all'8 febbraio 2020. Questo progetto espositivo in collaborazione con l'Archivio Uncini, a distanza di quattro anni dalla mostra del 2015 incentrata sul disegno, mira oggi a documentare l'evoluzione della lunga e approfondita indagine dell'artista sul tema delle ombre.

Punto di partenza è la mostra, intitolata appunto "Ombre", che ha luogo nel 1976 allo Studio Marconi e per la quale l'artista realizza Grande parete Studio Marconi MT 6, espressamente progettata per la galleria milanese. Quest'opera rientra nel periodo in cui Uncini decide di spostare la sua attenzione dalla "costruzione di oggetti" alla "costruzione dell'ombra", dalla forma reale dell'oggetto costruito, alla sua forma virtuale. In questa nuova ottica egli trasforma ciò che è da sempre percepito come ambiguo e labile in un elemento sostanziale dell'opera, qualcosa di stabile, visibilmente e tattilmente concreto. Luce e ombra vengono così poste allo stesso livello di valore e considerate "materie" alla stessa stregua, permettendo una nuova e inedita lettura dell'opera. Questa scoperta, motivo dominante della sua ricerca fino agli anni Ottanta, lo porta anche a riflettere sulle antinomie luce-ombra, pieno-vuoto, presenza-assenza. È dunque lo spazio a farsi materia dell'atto costruttivo dell'artista e non esiste più distinzione tra il fare pittura e il fare scultura.