Unhcr ricorda anniversario naufragio Lampedusa

red/Mgi

Roma, 3 ott. (askanews) - Oggi a Lampedusa, l'UNHCR, l'Agenzia dell'ONU per i Rifugiati, si unisce alla società civile, alle autorità locali e nazionali, ai sopravvissuti del naufragio, e ai sostenitori dall'Italia e da tutto il mondo per commemorare la Giornata nazionale della Memoria e dell'Accoglienza, istituita per legge nel 2016 per onorare i 368 rifugiati e migranti che sono morti nel tragico naufragio al largo di Lampedusa il 3 ottobre 2013, e tutti coloro che hanno perso la vita durante la traversata in mare.

Il numero delle persone che tentano di arrivare in Europa via mare è diminuito drasticamente negli ultimi anni, in particolar modo lungo la rotta del Mediterraneo centrale. Allo stesso tempo, il numero di vite perse è salito proporzionalmente. All'inizio di questa settimana, è stato sorpassato il tragico traguardo di oltre 1.000 persone che hanno perso la vita nel Mediterraneo nel 2019, la maggior parte delle quali nella rotta tra la Libia e l'Europa. Dall'inizio del 2014, oltre 15.000 persone hanno perso la vita nel Mediterraneo centrale nel tentativo di raggiungere la sicurezza.

Possiamo, e dobbiamo, fare di meglio.

(Segue)