Unhcr ricorda anniversario naufragio Lampedusa -2-

red/Mgi

Roma, 3 ott. (askanews) - L'UNHCR ribadisce la sua posizione secondo cui è necessario ripristinare con urgenza la piena capacità di ricerca e soccorso nel Mediterraneo. Ciò dovrebbe includere il ritorno in mare di un'operazione di ricerca e soccorso degli Stati dell'UE. Le risorse aeree possono fornire il necessario supporto, ma non potranno mai tirare fuori dall'acqua le persone in difficoltà. Tutti gli Stati nel bacino del Mediterraneo devono sostenere le proprie responsabilità per garantire che le persone vengano salvate e fatte sbarcare rapidamente, con la priorità essenziale di salvare vite umane.

E' tempo di ringraziare e riconoscere le ONG partner, che negli ultimi anni hanno giocato un ruolo cruciale nell'assicurare che il bilancio delle vittime non fosse ancora maggiore. Quando raggiungono la terraferma dopo aver salvato persone in mare, le loro navi non dovrebbero essere sequestrate e i loro equipaggi non dovrebbero essere arrestati. I loro sforzi sono da elogiare e non da criminalizzare o stigmatizzare.

(Segue)