Unhcr: rifugiati congolesi muoiono cercando salvezza in Uganda -3-

red

Roma, 13 feb. (askanews) - I rifugiati che stanno arrivando in Uganda riferiscono di crescenti attacchi contro la popolazione civile, uccisioni e distruzione di proprietà privata. Testimonianze allo staff di UNHCR parlano di civili uccisi a colpi di frecce. La scorsa settimana un uomo anziano è morto dopo essere arrivato in Uganda sfinito e un neonato non è sopravvissuto in seguito a complicazioni sopraggiunte durante il parto. Centinaia di rifugiati continuano ad arrivare, non solo a Sebagoro, piccolo villaggio di pescatori nella regione a nord del Lago Albert, ma anche a Canara, nuovo punto d'approdo sulla riva sud del lago.

L'UNHCR sta lavorando con le autorità ugandesi alla registrazione dei nuovi arrivati e al loro ricollocamento nell'entroterra; è tuttavia necessario un maggiore supporto per far fronte a questa difficile situazione. Tra le necessità impellenti, quella di preparare nuove aree per l'insediamento congiuntamente a interventi socio-psicologici per aiutare i rifugiati a superare il proprio trauma. (Segue)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità