Unica strategia sulla Tav: prendere tempo. Lega in piazza per il Sì, ma tieni i toni bassi

Gabriella Cerami

Tempo, tempo e ancora tempo. L'analisi costi-benefici sulla Tav è "arrivata solo in bozza", dice il ministro Danilo Toninelli: "A fine gennaio penso potrò avere l'analisi completa". Ma questo sarà solo il primo passo su una strada ancora lunga e che, stando così le cose, ha un solo traguardo. Traguardo che non è vicino, bensì è oltre le elezioni Europee. Per adesso si gira attorno a un qualcosa che non vede la luce. Anche il flash mob di sabato in piazza Castello a Torino, nonostante i toni forti degli annunci e la rabbia degli M5s, alla fine non disturberà troppo il governo. Almeno per adesso.

La Lega sarà in piazza, come ha confermato il capogruppo alla Camera Riccardo Molinari all'Huffpost, perché "rivendichiamo la nostra coerenza ma sarà una cosa rapida, di mezz'ora". Nella città della Mole ci saranno le imprese, il presidente del Piemonte Sergio Chiamparino con il Pd e ci sarà anche Forza Italia. Ma la manifestazione non sarà certo il pretesto per mandare all'aria all'alleanza gialloverde. A patto però che nessuna decisione definitiva venga presa dal governo nel breve tempo.

Piuttosto, esponenti dell'esecutivo che stanno studiando le carte, scommetto sul fatto che a febbraio si metterà sul tavolo l'idea di rivedere l'opera, come previsto dal contrattato di governo che non a caso nelle ultime ore viene più volte citato. "Nessuno pretende che il progetto non si tocchi, però io voglio un'Italia del sì che vada avanti e che non torni indietro", afferma Matteo Salvini dando voce già a una specie di compromesso. In pratica a fine gennaio non arriverà né un "sì, l'opera si farà" ma neanche un "no, l'opera non si farà". Sulla carta comunque nessuna cancellazione, come conferma il vicepremier leghista.

Sarà un modo appunto per tergiversare ancora un po' e non scontentare né gli elettorali M5s, che la Torino-Lione non la vogliono, né quelli della Lega che invece ci credono. Il motivo? Le elezioni Europee di maggio. Ciò significa...

Continua a leggere su HuffPost