Unicef: 1 ragazza su 3 in famiglie più povere al mondo senza scuola -2-

Orm/red

Roma, 20 gen. (askanews) - "In Italia meno del 20% delle risorse pubbliche per l'istruzione sono destinate ai bambini delle famiglie più povere e più del 20% ai bambini delle famiglie più ricche[1]. La povertà educativa condiziona l'intera vita di bambini e ragazzi, privandoli di opportunità preziose; investire nella qualità dell'istruzione significa affrontare le cause della povertà alla radice con enormi benefici per tutto il sistema Paese", ha dichiarato Francesco Samengo, Presidente dell'UNICEF Italia.

Più in generale nei 19 paesi ad alto reddito, il 18,6% delle risorse per l'istruzione è destinato al 20% dei bambini delle famiglie più povere, mentre il 21,7% è destinato ai bambini delle famiglie più ricche; negli 8 paesi a basso reddito solo il 10,3% delle risorse dedicate all'istruzione viene destinato al 20% dei bambini più poveri, mentre più del 37,9% a quelli delle famiglie più ricche.(Segue)