Unicef: a causa uragano Dorian 18 mila bambini colpiti -2-

Red/Nav

Roma, 8 set. (askanews) - "I bambini e le loro famiglie sopravvissuti all'uragano hanno perso le loro case, i loro mezzi di sussistenza, i loro parenti e sono rimasti con poca acqua e cibo", ha detto Youssouf Abdel-Jelil, vicedirettore regionale dell'Unicef per l'America Latina e i Caraibi. Il tempo stringe per loro di ricevere assistenza umanitaria. Quasi cinque giorni dopo che l'uragano ha colpito, l'acqua potabile sicura è ora l'elemento salvavita più urgente e prezioso, soprattutto per le madri e i bambini".

Le ricognizioni aeree e le valutazioni preliminari indicano che le inondazioni possono aver compromesso i sistemi idrici e sanitari ad Abaco e nelle aree di Grand Bahama. La mancanza di acqua potabile e di strutture igienico-sanitarie adeguate mette i bambini e le famiglie a rischio di contrarre malattie trasmesse dall'acqua.

"L'intera scala della distruzione sul terreno è ancora in fase di valutazione, ma le prime valutazioni indicano che in alcune parti di Abaco, strade, porti e altre strutture di trasporto sono state parzialmente o totalmente distrutte. Le infrastrutture danneggiate rendono estremamente difficoltosa la consegna degli aiuti umanitari. Le famiglie più vulnerabili, soprattutto i bambini, saranno probabilmente le più difficili da raggiungere", ha aggiunto. (Segue)