Unicef: con il 2019 si conclude decennio "letale" per bambini -3-

Dmo/Red

Roma, 30 dic. (askanews) - Nel 2018, le Nazioni Unite hanno verificato oltre 24.000 violazioni gravi contro i bambini, fra cui uccisioni, mutilazioni, violenza sessuale, rapimenti, rifiuto di accesso agli operatori umanitari, reclutamento di bambini e attacchi su scuole e ospedali. Gli sforzi di monitoraggio e segnalazione sono stati rafforzati, ma il numero è di oltre due volte e mezzo più alto rispetto a quello registrato nel 2010.

Oltre 12.000 bambini sono stati uccisi o mutilati nel 2018. L'utilizzo continuo e diffuso di bombardamenti aerei e armi esplosive come mine da terra, mortai, ordigni esplosivi improvvisati, attacchi missilistici, munizioni a grappolo e attacchi di artiglieria, causano la grande maggioranza degli incidenti tra i bambini nei conflitti armati.

Gli attacchi e le violenze contro i bambini non sono rallentati nel 2019. Durante la prima metà dell'anno, le Nazioni Unite hanno verificato oltre 10.000 violazioni simili contro i bambini - anche se i numeri reali potrebbero essere molto più alti.(Segue)