Unicef Italia: spesso diritti di troppi minori sono a rischio

Bla

Roma, 14 set. (askanews) - "Siamo a poche settimane dalla celebrazione dei 30 anni della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza, ci attendono mesi di iniziative, attività, incontri a tutti i livelli. La Convenzione, pur essendo il trattato sui diritti umani maggiormente ratificato al mondo, non è ancora pienamente attuata, conosciuta e capita. A livello globale in questi 30 anni molti obiettivi sono stati raggiunti. Tuttavia, troppo spesso i diritti di ancora troppi bambini e adolescenti sono a rischio", ha dichiarato il Presidente dell'Unicef Italia Francesco Samengo, intervenendo oggi a Oristano al Seminario regionale di formazione dell'Unicef Sardegna "Territori in campo per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza", rivolto ad oltre cento volontari provenienti da tutto il territorio regionale.

"In Italia - ha proseguito Samengo - vivono circa 10 milioni di bambini e ragazzi sotto i 18 anni di età. Oltre 1,2 milioni di bambini e bambine vivono in povertà assoluta; il 25,7% dei giovani di età compresa tra i 18 e i 24 non studia non lavora né è inserito in programmi di formazione; inoltre la disparità del livello dei servizi tra le varie zone del paese è allarmante".

(Segue)