Unicef, oltre 27 mln di bambini a rischio per le devastanti inondazioni

(Adnkronos) - Mentre iniziano i lavori della Cop27 in Egitto, l’Unicef avverte che "quest’anno ci sono state inondazioni devastanti per almeno 27,7 milioni di bambini in 27 paesi nel mondo. La grande maggioranza di questi 27,7 milioni di bambini colpiti dalle inondazioni nel 2022 è fra i più vulnerabili e a rischio elevato di una moltitudine di minacce, fra cui la morte per annegamento, epidemie di malattie, la mancanza di acqua sicura da bere, malnutrizione, interruzioni dell’apprendimento e violenza".

“Stiamo assistendo a livelli senza precedenti di inondazioni in tutto il mondo quest’anno e, di conseguenza, a un’esplosione delle minacce per i bambini - ha dichiarato Paloma Escudero, a capo della delegazione dell’Unicef per la Cop27 - La crisi climatica è qui. In molti luoghi, le inondazioni sono state le peggiori in una generazione, o di diverse generazioni. I nostri bambini stanno già soffrendo su una scala mai raggiunta dai loro genitori”.

"Le conseguenze delle alluvioni sono spesso più letali per i bambini degli eventi meteorologici estremi che le hanno causate. Nel 2022, le inondazioni hanno contribuito ad aumentare la diffusione dei principali fattori che uccidono i bambini, come la malnutrizione, la malaria, il colera e la diarrea", avverte l'Unicef. “La Cop27 offre l'opportunità di tracciare una tabella di marcia credibile con tappe chiare per il finanziamento dell'adattamento al clima e per le soluzioni alle perdite e ai danni - ha dichiarato Paloma Escudero - I giovani dei luoghi più colpiti della Terra stanno annegando nell'inazione climatica. Quando è troppo è troppo. Le vite sono a rischio, i bambini hanno bisogno di azione, ora”.