Unicef: oltre 32.000 bambini espulsi da Usa e Messico -2-

Orm/Red

Roma, 26 nov. (askanews) - Gli accordi di cooperazione in materia di asilo recentemente firmati significano essenzialmente che i bambini che attraversano la regione saranno ora costretti a cercare protezione nei paesi nel Nord dell'America centrale. La criminalità organizzata e la violenza in molte aree rendono alcune zone di questi paesi insicure per i bambini nati lì, ancora di più per coloro che arrivano da altri luoghi.

In Messico, i protocolli di protezione dei migranti hanno portato a un aumento del numero di bambini migranti bloccati nelle zone di frontiera in attesa che i loro casi di asilo passino attraverso il sistema giudiziario statunitense - un processo che può richiedere mesi. In molte di queste aree, i bambini migranti e le loro famiglie incorrono in sfruttamento, violenza e abusi e non hanno accesso ai servizi essenziali.

Gli effetti combinati dei protocolli sulla protezione dei migranti e dei nuovi accordi di cooperazione in materia di asilo stanno esponendo i bambini a grandi rischi.(Segue)