Unicef: rischio diffusione Ebola anche in Sud Sudan -5-

red/Mgi

Roma, 29 lug. (askanews) - Tra gennaio e luglio 2019, l'UNICEF e i suoi partner hanno:

Raggiunto più di 850.000 persone attraverso comunicazioni interpersonali e di gruppo guidate da 450 operatori di comunità;

Raggiunto 2 milioni di persone con messaggi di prevenzione sull'Ebola attraverso passaggi settimanali di informazioni e talk show sul virus dell'Ebola attraverso 18 stazioni radio in 6 lingue;

Supportato 70 strutture sanitarie, 4 unità di isolamento e 7 unità di transito in aree ad alto rischio con aiuti e servizi per la Prevenzione e il Controllo della Malattia e servizi e aiuti igienico-sanitari.

Formato più di 200 operatori sul campo sulle misure di Prevenzione e Controllo della Malattia;

Installato unità per la pulizia delle mani, distribuito sapone e promosso pratiche igieniche e attività informative sull'Ebola in luoghi pubblici, fra cui scuole, chiese e mercati, raggiungendo circa 300.000 persone nelle comunità più a rischio. (Segue)