Unicef: un giovane su tre in 30 paesi ha subito cyberbullismo -6-

Mos

Roma, 4 set. (askanews) - Per porre fine al bullismo e alla violenza a scuola e nei dintorni, l'UNICEF e i partner chiedono azioni immediate per tutti i settori nelle seguenti aree:

L'attuazione di politiche per proteggere i bambini e i giovani dal cyberbullismo e dal bullismo; Creazione e dotazione di help line nazionali per supportare i bambini e i giovani; L'avanzamento degli standard e delle pratiche etiche per i provider dei social network, specialmente per quanto riguarda la raccolta, l'informazione e la gestione dei dati; La raccolta di dati migliori e disaggregati sul comportamento dei bambini e dei giovani online per fornire informazioni per le politiche e le direttive; Formare gli insegnanti e i genitori per prevenire e rispondere al cyberbullismo e al bullismo, in particolare per i gruppi vulnerabili.(Segue)