Unicredit, Ciambetti(Veneto): inaccettabili i tagli ventilati

Bnz

Venezia, 3 dic. (askanews) - "La notizia da parte dei vertici di Unicredi del taglio di circa 8.000 dipendenti e 500 filiali entro la fine del 2023 lascia estremamente perplessi, soprattutto nel nostro Veneto dove già il comparto ha dovuto subire le pesanti ristrutturazioni anche occupazionali a seguito del crack delle popolari". Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto, commenta la notizia battuta dalle agenzie del piano di ristrutturazione annunciato da Jean Pierre Mustier CEO del Gruppo UniCredit e Direttore Generale dell'Istituto bancario. "Il Veneto è la quarta regione italiana per la presenza di sportelli di Unicredit: 335 sportelli punto di riferimento di migliaia di correntisti e imprese, ma anche filiali in cui operano centinaia di lavoratori altamente qualificati".

(Segue)