Unicredit: finanziamento da 1,5 mln euro a startup AorticLab

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 15 set. (Adnkronos) – Unicredit ha perfezionato un’operazione di finanziamento da 1,5 milioni di euro a sostegno di AorticLab, startup in ambito biomedicale con sede a Colleretto Giacosa, per le spese legate ai progetti di sviluppo di dispositivi biomedicali. I fondi messi a disposizione di AorticLab da parte di UniCredit, nello specifico, consentiranno alla società torinese di realizzare un progetto del costo complessivo di 15 milioni di euro, focalizzato su sviluppo e realizzazione di due dispositivi: Embrace, filtro antiembolico transcatetere, e Gemini, sistema ad ultrasuoni per il recupero funzionale delle valvole cardiache.

"Siamo molto soddisfatti – dichiara Luca Milanesi, responsabile Imprese Nord Ovest di UniCredit Italia – di poter dare il nostro supporto a una startup innovativa come AorticLab che, fin dalla sua costituzione, ha attirato un forte interesse da parte di importanti investitori, portando avanti un processo di crescita anno su anno. Il progetto alla cui realizzazione desideriamo partecipare le consentirà di sviluppare dispositivi fondamentali per il corretto funzionamento della valvola aortica, salvando la vita di molte persone. Un progetto che ci sta particolarmente ‘a cuore’".

"Siamo entusiasti – dichiara Franco Osta, ceo di AorticLab – che il nostro progetto abbia riscosso interesse ed apprezzamento da parte di un’istituzione come UniCredit. I fondi conferiti da UniCredit consentiranno in particolare di finanziare il piano clinico e regolatorio del prodotto Embrace, di cui è stata avviata recentemente l’indagine clinica con forte apprezzamento da parte dei cardiologi coinvolti, e completare lo sviluppo di Gemini, il cui prototipo è in fase di test preclinici con risultati molto promettenti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli