Unipd: chi soffre di malattia mentale si ammala di più di diabete

Bnz/Ral

Padova, 24 lug. (askanews) - Marco Solmi, medico psichiatra ricercatore del Dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Padova, ha preso parte alla The Lancet Psychiatry Commission sul tema di come proteggere la salute fisica in soggetti affetti da malattia mentale.

Il lavoro è stato guidato da Joe Firth, Nicm Health Research Institute, Western Sydney University, Westmead, Nsw, Australia (J Firth PhD, Prof), e ha coinvolto prestigiose Università, tra cui l'Università di Padova.

"I pazienti affetti da malattia mentale grave quale schizofrenia, disturbo bipolare, disturbo depressivo, ma anche con anoressia nervosa muoiono circa 15-20 anni prima della popolazione generale - spiega Marco Solmi - e tale mortalità è causata da comorbidità fisica. The Lancet Psychiatry ha commissionato ad un gruppo di esperti un enorme lavoro mirato a stabilire quale sia lo stato dell'arte delle conoscenze sulla salute fisica in persone con malattia mentale e quali siano i provvedimenti terapeutici da implementare per ciascun problema. Abbiamo individuato 5 evidenze su cui basare la cura della salute fisica delle persone con una malattia mentale, da oggi in avanti".

Chi soffre di una malattia mentale ha un rischio fino al doppio di avere diabete, sindrome metabolica, malattia cardiovascolare. Inoltre, vi sono una serie di fattori di rischio per malattia fisica, quali fumo di sigaretta, consumo di alcool, disturbi del sonno, inattività fisica, e stile alimentare, che sono frequenti in chi soffre di malattia mentale rispetto a chi non ne soffre, ma che sono assolutamente modificabili.

(Segue)