Universit, al via il primo Master in Medicina ambientale -2-

Red
·2 minuto per la lettura

Roma, 15 lug. (askanews) - Gli fa eco Prisco Piscitelli, epidemiologo e vicepresidente SIMA: "Parlare di Medicina Ambientale significa tornare laddove nata l'arte medica e lo stesso concetto di salute: gi Ippocrate aveva scritto sulla salubrit dei luoghi e delle acque e fin da tempi immemori le prime cure di molte malattie consistevano nel cambiare ambiente di vita, respirare aria nuova in riva al mare o in montagna, bonificare gli ambienti domestici o di lavoro. Occuparsi di Medicina Ambientale vuol dire puntare a minimizzare le esposizioni a fattori gi noti o presunti, che possono essere alla base di malattie respiratorie, allergie, manifestazioni cutanee, malformazioni fetali, disturbi del neurosviluppo, malattie cardiovascolari e tumori. Medicina Ambientale significa tutela della salute pubblica, in particolare dei soggetti pi fragili come nascituri, bambini e anziani o anche economicamente pi svantaggiati". "Ad oggi l'interesse per la relazione tra salute e ambiente ha rappresentato solo un ambito di sensibilit personale o al limite deontologica, su base volontaristica, per alcune categorie professionali, medici in primis. Quello che SIMA intende offrire grazie alla collaborazione con Unicusano, che ne ha sposato la vision, arrivare a qualificare con un Master universitario il lavoro di diversi professionisti che si occupano quotidianamente di determinanti ambientali della salute in ambito medico o fisico, chimico, ingegneristico, modellistico-previsionale, economico e umanistico", prosegue Miani. "L'argomento del Master estremamente attuale e in linea con gli obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. Secondo l'OMS, circa il 24% di tutte le malattie nel mondo dovuto all'esposizione a fattori ambientali. I dati mostrano anche come decessi, malattia e disabilit possano essere effettivamente ridotti ogni anno attraverso una politica ambientale adeguata. L'eccellenza formativa della UniCusano incontra l'esperienza di SIMA: una partnership didattica che matura dalla condivisione della stessa mission e che former figure professionali che potranno vantare una preparazione adeguata e certificata da spendere nella loro professione", conclude Fabio Fortuna.(Segue)