Università, F.Sala:Governo riveda riparto fondo integrativo statale

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 8 feb. (askanews) - "Siamo a disposizione di tutti i rettori per rafforzare sempre di più il ruolo delle università lombarde, puntando sulla formazione dei docenti e sulle competenze degli studi dei nostri ragazzi. Lavoreremo insieme per richiedere al Governo una revisione dei criteri di riparto del Fondo Integrativo Statale facendo leva sull'attrattività delle nostre università, in cima alle scelte degli studenti italiani". Lo ha scritto in una nota l'assessore all'Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione di Regione Lombardia, Fabrizio Sala, dopo l'incontro avuto con i membri del Crul, il Comitato Regionale di Coordinamento delle Università lombarde, presieduto dal Rettore dell'Università degli Studi di Bergamo Remo Morzenti Pellegrini.

Alla riunione ha partecipato anche il nuovo direttore generale della Direzione Generale Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione della Regione Lombardia, Gianni Bocchieri. "È sempre più determinante - ha aggiunto Fabrizio Sala - legare università e ricerca con una stretta collaborazione tra atenei e imprese. Soltanto così possiamo avvicinare istruzione, formazione e lavoro, con una ricaduta a terra di tutto il grande lavoro dei nostri ricercatori universitari".

Un altro tema toccato nell'incontro è stato l'internazionalizzazione delle università lombarde che l'assessore regionale Sala ha definito "un aspetto fondamentale per aumentare la competitività delle nostre università e, soprattutto, per ottenere grandi benefici dai rapporti internazionali con i migliori atenei europei e mondiali. Il mercato del lavoro - ha concluso l'assessore Sala - non ha confini e queste collaborazioni vanno sempre più stimolate e rafforzate con accordi internazionali e una ancora più diffusa mobilità degli studenti che possono fare sia un'esperienza importantissima all'estero, sia un tirocinio di lavoro oppure conseguire un master".