Università, Fioramonti e Cantone sottoscrivono Protocollo intesa -2-

Red/Apa

Roma, 17 ott. (askanews) - "Accanto all'importante lavoro che stiamo svolgendo per semplificare il reclutamento, è necessario che il Ministero abbia un nuovo ufficio che sia punto di riferimento per l'intera comunità accademica e aiuti le università a elaborare dei bandi che siano il meno possibile impugnabili. Questo 'Osservatorio per il reclutamento universitario' assisterà gli atenei e accoglierà segnalazioni e osservazioni, anche per evitare la nascita di continui contenziosi che rischiano di bloccare anche molti concorsi regolari e il lavoro dell'intera macchina amministrativa. L'ANAC aiuterà il Ministero nella formazione del personale di questa nuova struttura. Con il Protocollo sottoscritto oggi rinnoviamo e rafforziamo una collaborazione fondamentale" ha concluso il Ministro.

"È importantissimo preservare la cultura della trasparenza, della legalità e della correttezza dei comportamenti nell'università, il luogo in cui si svolgono l'educazione e la formazione dei giovani. L'Accordo di oggi nasce da un dialogo avviato con il Ministro Fioramonti da diversi mesi, quando, già nella sua precedente funzione di Viceministro, ha dato fin dall'inizio grande importanza al confronto con l'Autorità Nazionale Anticorruzione, favorendo l'emanazione di vari provvedimenti del MIUR. Con la firma di questo Protocollo, l'ANAC sarà al fianco del MIUR sia nella fase di lavoro del tavolo tecnico, sia come supporto del nuovo ufficio che verrà costituito presso il Ministero, nel pieno rispetto dell'autonomia e dell'indipendenza di entrambi. Desidero ringraziare in modo particolare il Ministro anche per aver reso possibile oggi la firma dell'Accordo, permettendomi così di annoverarlo tra gli ultimi atti della mia gestione" ha dichiarato il Presidente Raffaele Cantone.

"Per l'Università italiana è un interesse primario poter svolgere concorsi trasparenti e meritocratici - ha aggiunto il Professor Gaetano Manfredi -. Un ufficio che, nel rispetto dell'autonomia universitaria, sia guida e punto di riferimento nell'azione di reclutamento è per noi un'innovazione estremamente positiva. Dobbiamo estirpare i rari casi individuali di comportamento non corretto e valorizzare e tutelare i tantissimi colleghi che operano negli atenei nell'interesse degli studenti".(Segue)