Università, Lettera 150: "no a commissari a spese proprie, Senato sani questa stortura"

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 giu. (Adnkronos) – "Apprendiamo stupefatti che la riforma del reclutamento dei futuri ricercatori a contratto prevederebbe che i commissari esterni non abbiano diritto ad alcun rimborso delle spese di missione. È la prima volta che una legge prevede esplicitamente che un dipendente pubblico sia tenuto a sostenere le spese per svolgere un compito istituzionale". Lo scrive Lettera150, il think tank che riunisce circa 300 accademici di diverse discipline in merito al ddl di riforma all'esame del Senato.

"Troviamo questa misura offensiva nei confronti della categoria dei professori universitari. Evoca il disprezzo maoista verso gli intellettuali dei tempi della rivoluzione culturale – commenta Giuseppe Valditara, coordinatore di Lettera150 – La troviamo anche dannosa per lo stesso funzionamento della riforma. Riteniamo infatti improbabile che un professore sia disponibile a fare il commissario a spese proprie. Auspichiamo che al Senato questa orribile stortura venga sanata".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli