Università: Padova lancia 50 borse di studio per studenti afghani in pericolo (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Sono davvero felice di essere iscritta all'Università di Padova e so che questo cambierà il mio futuro. Potrò acquisire le competenze necessarie per trovare un lavoro, per imparare ad organizzare le attività, per lavorare in squadra, migliorare le mie abilità di comunicazione e anche leadership per potermi così inserire in nuove realtà e nuove culture" è la testimonianza di Hajar, studentessa iscritta al corso di laurea magistrale in Cognitive neuroscience and clinical neuropsychology. "Questa borsa di studio farà la differenza sia nella mia istruzione sia nella mia vita: grazie al supporto economico potrò iniziare un nuovo viaggio e una nuova vita in Italia" sottolinea ancora la studentessa afghana.

Anche Sajjad, iscritto al Corso di laurea magistrale in European and global studies, interviene sull'iniziativa dell'Università di Padova. "Grazie per essere vicini al popolo afgano in questa situazione difficile e delicata. Come cittadino di Bamyan, che si trova a 200 chilometri da Kabul in Afghanistan, ho cercato di rappresentare il mio Paese attraverso lo sci cercando di qualificarmi alle Olimpiadi del 2018 come ospite speciale in Corea del Sud. Lo sport ad alti livelli è estremamente difficile da praticare, e per me, rifugiato, rimane un sogno. Adesso però, grazie alla borsa di studio Unipd 4 Afghanistan posso progredire nella mia istruzione".

"A Bamiyan, mentre mi allenavo, ho studiato legge ed ho sempre voluto continuare. Ora che l'Università di Padova mi ha dato questa grande opportunità, sono molto felice di trovare un futuro migliore in Italia attraverso lo studio e in futuro mi piacerebbe continuare con un dottorato se ne avrò l'opportunità" afferma Sajjad.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli