Università: rettore Bocconi, 'didattica in presenza importante, ma dad opportunità straordinaria'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 22 apr.(Adnkronos) – "Tornare alla didattica in presenza è importante, oltre che un segnale positivo, tuttavia la dad, potenziata con adeguate tecnologie digitali, può rivelarsi una straordinaria opportunità di crescita nel percorso formativo degli studenti". A parlare è Gianmario Verona, rettore dell'università Bocconi di Milano, che affida all'Adnkronos il suo punto di vista circa le sfide per affrontare il futuro, alla luce delle indicazioni del governo sulla priorità dell'attività didattica in presenza negli atenei delle zone arancione e gialla.

Il rettore dell'ateneo milanese spiega che già dal 2015, nelle aule di via Sarfatti la dad è uno strumento ampiamente utilizzato: "All'interno della nostra scuola di formazione per manager e dirigenti d'azienda spesso utilizziamo la didattica a distanza in modalità ibrida; ciò che invece abbiamo fatto in questi mesi, durante la pandemia, è stato accelerare l'impiego degli strumenti tecnologici". Del resto "immaginavamo che questo anno accademico sarebbe stato turbolento, dunque abbiamo provato ad immaginare un tipo di didattica più innovativa".

"E' chiaro -sottolinea- che il futuro non sarà telematico, ma ibrido"; gli studenti, cioè, "dovranno essere fisicamente nei campus universitari e continuare a fare parte delle lezioni in presenza; la novità è che faranno anche tanto apprendimento attraverso i computer, con tutta una serie di strumenti, come ad esempio le simulazioni, che ci permettono di conoscere meglio ciascuno in funzione delle interazioni tecnologiche con i docenti".