Uno degli invitati ha scoperto di essere positivo assieme ad altri ed ha avvisato la coppia

·1 minuto per la lettura
Festa matrimoniale con mini cluster covid
Festa matrimoniale con mini cluster covid

Fiori d’arancio con coronavirus a Recanati, dove due sposi sono stati costretti a rinunciare al viaggio di nozze dopo un focolaio covid al loro matrimonio: i media spiegano che uno degli invitati aveva scoperto di essere positivo assieme ad altri ed ha avvisato la coppia, bloccando di fatto e per fortuna il loro viaggio.

Rinunciare al viaggio di nozze: la sola opzione per due novelli sposi recanatesi

Insomma, una festa nuziale funestata da un mini focolaio covid che ha costretto i novelli sposi a rivedere loro malgrado i loro progetti. L’episodio poggia su un dato empirico: quello per cui, come spiegano i media che hanno trattato la new, sta crescendo il numero dei positivi nelle Marche ed in particolare a Recanati, teatro della vicenda.

Recanati e le Marche: i contagi e la decisione di una coppia di rinunciare al viaggio di nozze

E l’innalzamento della curva epidemiologica in tutta la provincia non ha risparmiato la città del passero solitario che ormai potrebbe essere rinominato “passero in quarantena”. Alla cerimonia in questione avevano partecipato tutti invitati che, come da prassi, avevano il Green Pass, non è dato sapere se “figlio” di un ciclo vaccinale o di un tampone preventivo e in che percentuale.

Invitato al matrimonio positivo e sposi obbligati a rinunciare al loro viaggio di nozze

Sta di fatto che qualche giorno dopo la festa un invitato ha scoperto di essere positivo ed ha avvisato gli sposi. Ovviamente anche il resto degli invitati ha effettuato il tampone e, oltre ai due sposi, i media spiegano che “pure altre persone” sono risultate positive. Gli sposi hanno perciò dovuto rinunciare al viaggio di nozze.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli