"Uno scontro a tutto campo", la strada scelta dalla Corea in caso di pericolo, la tensione si alza

La Corea del Nord torna a mostrare i muscoli: Kim Jong risponderà ad ogni minaccia con armi nucleari
La Corea del Nord torna a mostrare i muscoli: Kim Jong risponderà ad ogni minaccia con armi nucleari

Continua ad alzarsi a dismisura la tensione in estremo Oriente: dopo le provocazioni dei mesi scorsi ecco la nuova mossa arrischiata della Nord Corea: il paese asiatico ha testato un missile balistico intercontinentale che ha concluso il suo tragitto ad oltre 200 km/h inabissandosi nelle acque del Mar del Giappone. L’ennesima provocazione nell’arco di poco tempo, che ha ovviamente provocato le dure condanne di Usa e paesi vicini, ma il leader Kim Jong-Un ha fatto trapelare dalla propria agenzia statale che il suo paese è pronto a reagire ad un eventuale attacco con le armi nucleari.

“Uno scontro a tutto campo”, la strada scelta dalla Corea in caso di pericolo, la tensione si alza ancora

La pesante dichiarazione del dittatore nord coreano arriva direttamente dalla sua agenzia statale, la Kcna. Chiaro è che il test missilistico è una nuova provocazione per testare la tenuta degli avversari sia orientali che occidentali, colti in un momento difficile a livello geopolitico.  Le dure parole usate da Kim: “Pyongyang reagirà risolutamente alle armi nucleari e allo scontro totale con uno scontro a tutto campo” non possono che preoccupare l’Occidente, per cui l’uso del nucleare rimane un’opzione semplicemente inattuabile.

Dal canto loro i più importanti partner dei giapponesi, gli USA, in una settimana vedono l’ennesima aggressione verso un alleato, l’ora dei conti sta arrivando per la nazione a stelle a strisce, che prima o poi dovrà mediare per la risoluzione di problemi che durano nella regione da ormai 70 anni.