Uno studio tedesco mette in relazione la deforestazione e gli effetti sulle risorse idriche

Alarmante studio sul rapporto fra cambiamento climatico e risorse idriche
Alarmante studio sul rapporto fra cambiamento climatico e risorse idriche

Il cambiamento climatico influenza la qualità dell’acqua potabile ed uno studio tedesco mette in relazione la deforestazione e gli effetti sulle risorse idriche. Il dato è che più le foreste declinano e più c’è rischio: teatro del report le foreste nella regione orientale dell’Harz, dove un team dell’UFZ ora studiato gli “effetti della deforestazione indotta dal clima sulla qualità dell’acqua del serbatoio nel loro studio modello”. Il bacino idrografico di Rappbode è il più grande serbatoio di acqua potabile in Germania: fornisce acqua potabile a circa un milione di persone.

Il cambiamento climatico influenza la qualità dell’acqua

E le siccità dal 2015 al 2020 hanno indebolito moltissimo popolazione arborea nella regione. Lo hanno fatto così tanto “che parassiti, come gli scarabei della corteccia, sono stati in grado di propagarsi, danneggiando ulteriormente gli alberi, che si sono rapidamente estinti”. Michael Rode, idrologo dell’Helmholtz Centre for Environmental Research (UFZ) e autore di uno studio pubblicato sulla rivista Water Research, ha spiegato: “Negli ultimi quattro anni, il bacino idrografico di Rappbode, caratterizzato da conifere, principalmente abeti rossi, ha perso oltre il 50% della sua foresta”. E poi: “Questo massiccio degrado delle foreste sta avanzando rapidamente ed è drammatico. Ciò avrà conseguenze per il serbatoio di acqua potabile”.

Il ruolo fondamentale delle foreste

Ma perché le foreste sono così importanti nel ciclo dell’acqua? Non è banale ricordarlo: perché filtrano l’acqua e legano le sostanze nutritive, in tal modo determinando la buona qualità dell’acqua. E  il Dottor Karsten Rinke, ricercatore dei laghi per l’iUFZ e coautore dello studio, ha detto: “Questo rende più difficile lo sviluppo delle alghe, rendendo il trattamento dell’acqua potabile negli acquedotti più conveniente e più facile”. Perciò “la gestione delle sostanze nutritive nelle aree di conservazione dell’acqua è quindi molto importante”.