Uomini e Donne: quanto guadagnano Tina e Gianni?

·1 minuto per la lettura
tina e gianni
tina e gianni

Spesso e volentieri si vocifera sui guadagni dei personaggi pubblici, soprattutto se si tratta degli opinionisti della trasmissione più famosa del primo pomeriggio di Canale 5. Se è vero che per i tronisti e i corteggiatori di Uomini e Donne non è prevista alcuna indennità, il discorso non sarebbe valido per gli altri membri del cast, come Tina Cipollari e Gianni Sperti, oramai veterani, divenuti gli emblemi “intoccabili” della trasmissione di Maria De Filippi.

Lui era un ex ballerino di Buona Domenica, lei stessa è stata corteggiatrice e poi tronista: nel 2003 i due hanno fatto l’ingresso negli studi di Uomini e Donne come opinionisti e consiglieri dei tronisti in carica. I due, oltre a essere colleghi sono anche grandi amici nella vita di tutti i giorni. Gianni è il più riflessivo della coppia, mentre Tina è piena di energie e rischia di essere tanto amata quanto odiata.

Svelati i guadagni

Sul web girano diverse indiscrezioni circa il compenso della vamp platinata e dell’ex ballerino. Il cachet è piuttosto corposo: si tratterebbe di 2.000 euro a puntata e, considerando il numero di registrazioni effettuate in un mese, l’incasso complessivo mensile si potrebbe aggirare attorno ai 16mila euro al mese. Non si sa con precisione se la cifra valga per le singole registrazioni o per una puntata complessiva.

Il risultato è un numero molto alto: forse troppo? E’ vero che il programma non sarebbe lo stesso senza i due opinionisti, che scatenano l’inferno tra corteggiatori e tronisti. Il pubblico li ama e li trova insostituibili. Ma il loro guadagno pare esorbitante, soprattutto se paragonato all‘assenza di compenso per i protagonisti della trasmissione. Si dice che questi ricevano solo un piccolo rimborso spese per i viaggi sostenuti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli