Uomo 34enne ricoverato per una trombosi, escluso nesso con vaccino Johnson&Johnson

·1 minuto per la lettura
trombosi vaccino
trombosi vaccino

Un uomo di 34 anni è ricoverato all’ospedale San Martino di Genova per una probabile sindrome trombocitopenica trombotica, in merito alla quale successive indagini hanno però escluso possibili nessi con la somministrazione del vaccino anti Covid. Al 34enne, originario dell’imperiese, era stato infatti somministrato un vaccino Johnson&Johnson lo scorso 5 giugno, e i primi sintomi della trombosi sono apparsi nella giornata di mercoledì 16. Stando a quanto riferito, oltre all’elemento distintivo del calo delle piastrine si sarebbe manifestata anche: “una sindrome neurologica trattata rapidamente e con successo”.

Sospetta trombosi a Genova, le indagini escludono nessi con il vaccino

In un comunicato stampa diffuso in serata, l’ufficio stampa del San Martino aveva dichiarato che: È stata avviata l’indagine per la ricerca degli anticorpi anti-PF4 per confermare il sospetto di sintesi trombotica. È stata iniziata la terapia con anticoagulanti, come previsto dal protocollo di Alisa (l’agenzia sanitaria della Regione Liguria, ndr), per la gestione diagnostico-terapeutica degli eventi tromboembolici post-vaccinazione con vaccino a vettore virale. Attualmente il paziente è cosciente e al completamento della fase diagnostica sarà trasferito presso la Terapia intensiva generale”.

In serata è infine giunto l’esito dell’indagine per la ricerca degli anticorpi anti-PF4, che ha confermato come la sospetta trombosi che ha colpito il 34enne non sia imputabile alla somministrazione del vaccino anti Covid Johnson&Johnson.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli