Uomo barricato in Agenzia delle Entrate libera l'ultimo l'ostaggio

Bergamo, 3 mag. (Adnkronos/Ign) - Nessun segno di resa definitiva. Sono tre ore che un uomo, la cui identità non è nota, è barricato nella sede dell'Agenzia delle Entrate in via San Giuseppe 4 a Romano di Lombardia, in provincia di Bergamo. L'uomo, armato di un fucile a pompa, ha fatto irruzione nella palazzina, poco prima delle 16, orario di chiusura degli uffici. Poche parole, poi ha esploso due colpi in area e ha sequestrato 15 dipendenti. Un gesto legato, secondo quanto trapela e secondo quanto ipotizzato dal sindaco del piccolo centro del bergamasco Michele Lamera, "da difficoltò economiche".

Le trattative iniziali con le forze dell'ordine sono andate a buon fine: 14 i dipendenti dell'ente presto liberati, ma il sequestratore ora non demorde e resta barricato nell'edificio con un solo ostaggio, Carmine Mormandi, 56 anni, impiegato dell'Agenzia delle Entrate. Un carabiniere sta cercando di raggiungere una mediazione, mentre il numero delle forze dell'ordine presenti è notevolmente aumentato e non si esclude un intervento del Gruppo di Intervento Speciale per liberarlo. A Mormandi, secondo quanto trapela, è stato concessa una telefonata di pochi secondi con la compagna.

Per 'smuovere' le trattative non si esclude di disporre l'intervento del Gis, Gruppo di Intervento Speciale dei carabinieri, mentre l'area è stata transennata per evitare ai curiosi di avvicinarsi.

Sul posto, oltre a carabinieri, polizia e vigili, anche mezzi dei vigili del fuoco e un'ambulanza, ma nessuno degli ostaggi liberati ha avuto bisogno di cure mediche. A seguire, in prima linea, quanto accade anche il Questore di Bergamo, Vincenzo Ricciardi e il sindaco Lamera.

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno