Uomo in coma: ha subito violenza sessuale dal datore di lavoro

stupro

Un 39enne di Mirandola, in provincia di Modena, è stato ricoverato in ospedale con lesioni interne gravissime. Ha subito lesioni personali, maltrattamenti e violenza sessuale da parte di un 38enne di origine campana, che è stato arrestato dalla squadra mobile della polizia di Stato di Modena. La vittima era diventata succube dell’aggressore, che era al tempo stesso il padrone della casa presso cui era in affitto e il suo datore di lavoro. La notizia è stata riportata su ModenaToday.

L’arresto dell’imbianchino

Un 39enne ha subito per mesi aggressioni e continue vessazioni da un altro uomo a Mirandola, in provincia di Modena. Secondo le testimonianze di amici e parenti raccolte dal Commissariato di Mirandola e dalla Squadra Mobile, la vittima da un paio di anni era diventata succube del suo aguzzino, padrone della casa presso cui era in affitto e titolare dell’impresa di tinteggiatura in cui lavorava. Nel primo pomeriggio del 3 settembre 2019, dopo l’ennesimo episodio di violenza, l’imbianchino è finito al Pronto Soccorso di Mirandola con gravi lesioni agli organi interni e sepsi. In seguito è stato trasferito all’ospedale Ramazzini, dove sono proseguite le cure. Prima di subire il coma farmacologico viste le gravissime lesioni, il 39enne, accompagnato in ospedale dal suo aguzzino, aveva detto di essere stato aggredito da ignoti a Ferrara. Appena si è svegliato, ha dato agli agenti il nome del presunto aggressore. All’alba del 17 settembre il responsabile è stato arrestato dalla polizia: dovrà rispondere di lesioni gravi e violenza sessuale. Ora la vittima, che ha subito tre operazioni chirurgiche, sta meglio, ma i medici non sanno ancora se e quando potrà riprendersi completamente.

LEGGI ANCHE: Violentata su una spiaggia per nudisti, 5 arresti vicino a Valencia