Uomo di 51 anni incitava in Rete a non utilizzare le mascherine

·1 minuto per la lettura
Voleva sabotare il Festival di Sanremo, fermato negazionista Covid
Voleva sabotare il Festival di Sanremo, fermato negazionista Covid

Aveva tutta l’intenzione di boicottare il Festival di Sanremo per “protestare” contro le misure decise per il Covid-19. Un uomo di Lerici (La Spezia) è stato bloccato dalla Digos a Massa Carrara, in Toscana. Dopo la perquisizione della casa sono stati sequestrati tre smartphone e un pc. Chiusi alcuni profili social che incitavano le adunate negazioniste contro il Coronavirus.

Boicottare il Festival di Sanremo

La persona denunciata aveva partecipato lo scorso febbraio a una manifestazione no vax a Milano. L’uomo, secondo quanto riportato dal Secolo XIX, avrebbe anche incitato con dei cori contro il presidente Sergio Mattarella. L’idea del 51enne ligure era quella di sabotare anche la kermesse canora che si svolgerà da martedì 2 fino a sabato 6 marzo a Sanremo. Le accuse a suo carico sono di istigazione a delinquere e istigazione a disobbedire alle leggi.

Sui social network l’uomo aveva di recente descritto “il Covid come la più grande truffa della storia di tutti i tempi, creato dal Nuovo Ordine Mondiale per distruggere l’economia di tutti i paesi, è il simbolo della sudditanza al potere economico”. Bloccata quindi momentaneamente l’azione di istigatore dell’uomo sui social network.

Purtroppo episodi di questo genere non sono dei casi isolati. Una maestra negazionista ha suscitato tante polemiche e anche una vibrante protesta da parte dei genitori a Treviso. La donna ha insegnato fino a poco tempo fa in una scuola elementare, ma non si era limitata al suo ruolo di educatrice. La donna, assunta con contratto Covid-19, è stata licenziata direttamente dal Ministero dell’Istruzione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli