Uomo morto soffocato ritrovato incastrato in un tombino a Padova

·1 minuto per la lettura
morto in un tombino
morto in un tombino

Tragico e bizzarro incidente a Padova, dove un uomo che è stato ritrovato morto incastrato in un tombino. La causa del decesso dovrebbe essere per annegamento.

Padova, cadavere ritrovato incastrato in un tombino

Tragico e bizzarro incidente a Padova, dove – nella notte tra lunedì 11 e martedì 12 ottobre – è stato rinvenuto il corpo privo di vita di un uomo di circa 55 anni. Il cadavere è stato ritrovato con mezzo busto dentro a un tombino e le gambe distese sulla strada. Dalle prime ricostruzioni, il fatto dovrebbe essere accaduto intorno alle ore 3.30 in via Palestro, a Padova.

Padova, cadavere in un tombino: il motivo

L’uomo sciaguratamente morto si chiamava Salvatore Masia, ed era originario di Tempio Pausania, un comune sardo in provincia di Sassari. Secondo le prime ipotesi, parrebbe che il 55enne stesse cercando qualcosa che gli era caduto dentro al tombino. Tuttavia, il suo stato di salute era con molte probabilità alterato dall’assunzione di sostanze psicoattive quando, dopo aver tolto il coperchio in ghisa, si è messo a cercare, rimanendo incastrato nel tombino per poi soffocare a causa della fanghiglia.

Padova, cadavere in un tombino: il ritrovamento

Come detto, il rinvenimento del cadavere è avvenuto nella notte tra l’11 e il 12 ottobre. A fare il macabro ritrovamento è stata una guardia giurata, che ha immediatamente allertato la Polizia di Stato, la quale si è immediatamente riversata sul posto. Dopo aver liberato la zona, Il corpo è stato messo a disposizione dell’Autorità giudiziaria, e sul caso sta indagando la squadra Volante della polizia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli