Uomo ucciso al bancomat a Lequile davanti alla moglie: ipotesi tentativo di rapina

·1 minuto per la lettura
Uomo ucciso a Lequile
Uomo ucciso a Lequile

Tragedia a Lequile, comune in provincia di Lecce, dove un uomo di 69 anni è stato ucciso sotto gli occhi della moglie da due soggetti che avrebbero tentato di rapinarlo. Le autorità indagano sull’accaduto per ricostruire i contorni della vicenda e identificare i due killer.

Uomo ucciso a Lequile

I fatti sono avvenuti nella serata di venerdì 16 luglio presso lo sportello automatico della filiale del Banco di Napoli in via San Pietro in Lama. Giovanni Caramuglio, direttore di banca in pensione di Monteroni di Lecce, vi era recato con la moglie che lo stava attendendo in macchina.

Mentre stava per prelevare, l’uomo è stato raggiunto da almeno cinque colpi esplosi da una pistola calibro 7.65 di cui almeno due indirizzati in pieno petto. Spari che lo hanno fatto cadere a terra lasciandolo senza vita. I due assalitori, che secondo le prime indagini avrebbero voluto rapinarlo, sono subito fuggiti a piedi, forse per salire a bordo di qualche veicolo lasciato a breve distanza.

Uomo ucciso a Lequile: indagini in corso

Oltre ai sanitari del 118, che hanno accertato il suo decesso sul colpo, sul luogo dell’omicidio si sono recati anche i Carabinieri della stazione di San Pietro in Lama e della compagnia di Lecce, che hanno delimitato l’area interessata ed effettuato i rilievi utili a ricostruire la dinamica dell’accaduto. A ciò si riveleranno utili anche i filmati delle telecamere che coprono tutta la zona dato che accanto si trova anche un’altra banca, la Bcc di Leverano.

Presente sul posto anche il sindaco di Lequile Vincenzo Carlà che ha annunciato la proclamazione del lutto cittadino per la giornata di sabato 17 luglio. “Il fatto desta preoccupazioni, pensavamo che questi episodi fossero lontani dai giorni odierni. Mi auguro che si dia un volto a questi criminali“, ha affermato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli