Uomo ucciso in un garage a Torino, fermato il fratello avvocato

·1 minuto per la lettura

AGI - Avrebbe ucciso il fratello maggiore con una coltellata al viso, lasciando l'arma conficcata nell'occhio, ma agli inquirenti non è ancora chiaro cosa l'abbia spinto a commettere un delitto così efferato.

Carlo Pellegrini, avvocato di 48 anni, ieri sera è stato bloccato dai carabinieri a Rovereto, in Trentino, e ora si trova in caserma in stato di fermo. Per gli investigatori è lui l'assassino del fratello. Enrico Pellegrini, 52 anni, trovato morto ieri pomeriggio nella cantina - garage di un condominio di via Principe d'Acaja, poco distante dalla stazione ferroviaria di Porta Susa, nel capoluogo piemontese.

A dare l'allarme era stato il padre della vittima, che da giorni provava invano a contattare i due figli. I carabinieri hanno rinvenuto il cadavere in cantina dopo che venerdì i vigili del fuoco avevano raggiunto l'appartamento, trovandolo vuoto e in ordine. Toccherà ora al pubblico ministero Delia Boschetto risalire al movente del delitto e cercare di ricostruire la dinamica dell'omicidio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli