Upi-Cdp: entro giugno selezione progetti pilota su scuola e strade

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 24 mar. (askanews) - Parte la seconda fase di attuazione della sinergia tra Upi e Cassa Depositi e Prestiti, con l'avvio del processo di selezione attraverso cui saranno individuati i progetti che saranno candidati dalle Province per ottenere l'assistenza dalla Cassa Depositi e Prestiti. Entro giugno si arriverà alla definizione di un elenco delle opere più significative in termini di investimenti, innovatività ed importanza per i territori - dieci protocolli riguarderanno le scuole superiori e dieci le strade e i ponti.

Sono stati oltre 200 i funzionari e dirigenti delle Province che oggi hanno partecipato all'incontro promosso da Upi e Cassa Depositi e Prestiti, appuntamento che segna un altro importante passo nell'attuazione del protocollo siglato dal presidente Upi, Michele de Pascale, e dall'a.d. di Cdp, Fabrizio Palermo, per sostenere le Province in tutto il processo di ideazione e realizzazione di opere e investimenti.

In queste settimane il tavolo tecnico istituito da Upi e Cdp ha messo a punto le linee guida che sono state presentate alle Province nel corso dell'incontro odierno e sulla base delle quali potranno essere candidati progetti di edilizia scolastica e infrastrutture viarie. Grazie a questo accordo strategico, infatti, saranno selezionati un numero significativo di infrastrutture delle Province per interventi straordinari di costruzione, manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e adeguamento sismico dei 100.000 Km di strade e delle 5.200 scuole secondarie superiori gestite dalle Province.

Dal 2018 al 2020 gli investimenti delle Province sono aumentati del 37%, una performance eccezionale e non eguagliata né a livello locale, né tantomeno a livello nazional. Nel solo 2020, nel pieno della pandemia con tutte le limitazioni imposte dal contenimento del contagio - smartworking, blocco di attività e imprese - gli investimenti delle Province sono aumentati del 20%.

La collaborazione Upi-Cdp ha l'obiettivo di accrescere e potenziare la capacità delle Province nell'attuazione dei piani per il rilancio degli investimenti pubblici che sono stati assegnati a queste istituzioni, valorizzando la Pubblica Amministrazione anche in vista della realizzazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che dovrà garantire a tutto il Paese gli strumenti per resistere e reagire alla crisi.