Uragano Dorian, salgono a 43 i morti alle Bahamas

webinfo@adnkronos.com

E' di 43 morti l'ultimo bilancio delle vittime causate dal passaggio dell'uragano Dorian alle Bahamas. Ma il numero potrebbe essere molto più alto. "Quarantatré (morti) è la cifra ufficiale, con molti dispersi. Questo numero dovrebbe aumentare in modo significativo", ha affermato Erica Wells Cox, portavoce del Primo Ministro Hubert Minnis, sul canale americano NBC News. Il precedente bilancio riportava 30 decessi. Nel frattempo è iniziata l'evacuazione dei sopravvissuti dall'arcipelago devastato. 

Più di 6.660 persone si sono registrate sul sito web "Dorian People Search Bahamas" per cercare informazioni sui loro cari, molti dei quali scomparsi dopo il passaggio dell'uragano, ha detto a NBC la fondatrice del sito, Vanessa Pritchard-Ansell. "Ho creato questo sito perché mi sono resa conto che c'era bisogno di un ritrovo dove le persone potessero chiedere se qualcuno avesse visto o se sentito parlare dei loro cari", ha detto. 

Dorian ha colpito domenica l'arcipelago delle Bahamas con venti fino a 354 chilometri all'ora. Le Nazioni Unite hanno avvertito che almeno 70.000 persone hanno bisogno di un aiuto "immediato", in particolare sulle Isole Abaco e Grand Bahama.Il coordinatore delle Nazioni Unite per gli affari umanitari e la risposta alle emergenze, Mark Lowcock, ha dichiarato di aver annunciato al primo ministro Hubert Minnis lo sblocco di un milione di dollari dal Central Emergency Response Fund (CERF), per dare il via a importanti operazioni di soccorso.  

Ieri Dorian ha investito la costa della Carolina del Nord con forti piogge e inondazioni. La tempesta, declassata a categoria 1, è ora proiettata in direzione nord-est sull’Oceano Atlantico, in un viaggio che lo porterà a costeggiare il sud-est del New England, per poi muoversi da questa sera più a nord, lungo la Nuova Scozia, in Canada. Secondo il National Hurricane Center degli Stati Uniti la sua velocità dovrebbe aumentare ulteriormente. 

Nella Carolina del Nord la tempesta ha causato il caos sull'isola di Ocracoke, al largo della costa, intrappolando circa 800 persone mentre le loro case venivano sommerse dall'acqua. "Finalmente l'uragano Dorian ha lasciato la Carolina del Nord", ha dichiarato il governatore dello stato Roy Cooper in una conferenza stampa, aggiungendo che l'isola non ha elettricità e molte case rimangono sott'acqua. "Nella Carolina del Nord ci sono oltre 135.000 interruzioni di corrente", ha detto Cooper. Fortunatamente non si registrano morti o feriti gravi.