Uragano Dorian, Trump mostra mappa modificata per includere l’Alabama

uragano-dorian-trump

Una nuova (è proprio il caso di dirlo) tempesta di polemiche sta travolgendo il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump in merito alla sua gestione dell’emergenza sull’uragano Dorian. Nella giornata del 4 settembre infatti, Trump ha mostrato alla Casa Bianca una mappa con le previsioni meteorologiche sul percorso di Dorian. Mappa che tuttavia conteneva una vistosa correzione a pennarello, volta ad includere lo stato dell’Alabama nella traiettoria dell’uragano.

Uragano Dorian, la mappa di Trump

Una modifica che non sembra capitare per caso. Nei giorni scorsi infatti Donald Trump aveva lanciato l’allarme su Twitter per l’arrivo di Dorian, affermando che avrebbe colpito gli stati americani di Florida, Carolina del Nord, Carolina del Sud, Georgia e Alabama.

Una dichiarazione che però era stata immediatamente smentita dal servizione meteorologico nazionale, il quale appena 20 minuti dopo il tweet di Trump aveva risposto: “L’Alabama non sarà interessata da Dorian. Ripetiamo, Dorian non attraverserà l’Alabama. L’uragano rimarrà troppo ad est per poterla colpire”.

La modifica per non smentire il tweet

Secondo alcune supposizioni è probabile dunque che Trump o un membro del suo staff abbia volutamente modificato la mappa in modo da far risultare veritiero il tweet del Presidente, notoriamente molto suscettibile a chi gli fa notare i suoi errori. La grossolana linea nera sulla mappa sembra infatti essere stata da uno di quei classici pennarelli sharpie coi quali Trump firma i documenti ufficiali

Lo stesso Trump durante la conferenza stampa ha tuttavia dichiarato come non ci fosse alcune modifica nella mappa: “Questa era la prima mappa, l’originale. Come vedete non avrebbe colpito solo la Florida ma anche la Georgia. Dorian poi ha svoltato a destra. E, alla fine, speriamo di essere fortunati. Dipende da cosa succede in Carolina del Sud e del Nord”.Affermazioni ancora una volta smentite dal Dipartimento per la sicurezza nazionale, che stando a quanto riportato dalla Cnn non avrebbe fornito la mappa mostrata nei filmati dello Studio Ovale: “La mappa non è stata portata dal DHS per questo briefing”.