Usa, si finge malata terminale per avere un matrimonio da sogno

Una 25enne di New York ha finto di essere una malata terminale di leucemia per permettersi un matrimonio da favola. Il primo a restare vittima delle bugie architettate da Jessica Vega è stato il suo compagno, Michael O’Connel, dal quale la ragazza aveva già avuto la figlia Lily. Vega ha raccontato la sua storia inventata al quotidiano “Times Herald-Record”, mostrando anche un falso certificato in cui si affermava che era malata terminale. L’articolo strappalacrime ha subito toccato il cuore dei newyorkesi, che hanno donato cifre ingenti per permettere alla “povera ragazza” di sposarsi realizzando così il suo ultimo desiderio prima di morire.
 
Lo psicologo: Vi spiego perché la menzogna non è un’arte
 
Come scrive il Corriere della Sera, il 2 maggio 2010 Michael e Jessica si sono detti il fatidico sì con delle nozze sontuose nella villa principesca di “Bella Coutre” a Newburgh, cui hanno partecipato in 60 tra parenti e amici. Numerose persone, che conoscevano Jessica Vega solo attraverso la sua storia pubblicata sul giornale, le hanno donato un abito da sposa da 1.500 dollari, il viaggio di nozze di 15 giorni in una dimora lussuosa nell’isola di Aruba ai Caraibi e numerosi altri regali in alcuni casi anche molto costosi.
 
Falsi invalidi, il video con un’anziana cieca totale per l’Inps, che guarda le vetrine e fa shopping
 
Michael O’Connel non ci ha però messo molto a scoprire che si trattava soltanto di una finzione e che sua moglie non era affatto malata. Un giorno ha telefonato al medico di Jessica, che gli ha confidato che la donna non aveva alcuna malattia e che il certificato stilato in un’altra contea era un falso. Il marito ha deciso di raccontare la verità e, nonostante la Vega abbia tentato di negare tutto, la settimana scorsa la polizia ha arrestato la ragazza per sei differenti accuse tra cui furto e frode.
 
Indagato per truffa Edoardo Costa, attore della soap Vivere

Yahoo! Notizie - Matrimoni insoliti


Ricerca

Le notizie del giorno