Usa 2012, Will Smith appoggia Obama: Sì a Buffett rule

Los Angeles (California, Usa), 8 mag. (LaPresse/AP) - Will Smith, tra le star più pagate di Hollywood, appoggia la proposta del presidente americano Barack Obama di aumentare le tasse ai redditi più alti del Paese. Lo ha dichiarato la scorsa settimana, intervistato da Associated Press in occasione della promozione del terzo episodio della saga 'Men in Black'. "Sono molto favorevole - ha detto l'attore - a questa idea. L'America è stata fantastica con me e non ho problemi a pagare quanto necessario per contribuire alla crescita del mio Paese". Obama, candidato alla rielezione nelle prossime presidenziali, ha infatti proposto l'applicazione della cosiddetta Buffett rule. La misura, duramente osteggiata dai repubblicani, prevede che chi guadagna più di un milione di dollari all'anno (circa 770mila euro) debba pagare almeno il 30 per cento di tasse. Secondo una ricerca, l'aumento riguarderebbe circa 210mila contribuenti. Solo per 'Man in Black III', ha riportato Vanity Fair, Will Smith sarebbe stato pagato 20 milioni di dollari (15 milioni di euro).

Ricerca

Le notizie del giorno