Usa 2020, Booker ritira la candidatura alle primarie democratiche

A24/Pca

New York, 13 gen. (askanews) - Il senatore Cory Booker ha annunciato il ritiro della sua candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. "Quasi un anno fa, sono entrato nella corsa per diventare presidente perché credevo [...] che la risposta all'odio e alle divisioni di Donald Trump fosse di riaccendere il nostro spirito [...] e costruire un Paese più giusto per tutti" ha scritto in una e-mail ai sostenitori, ottenuta da Nbc News. "L'ho sempre creduto e lo credo ora" ha scritto, aggiungendo: "Porterò avanti questa battaglia, solo che non voglio farlo come candidato alla presidenza, quest'anno [...] Ho preso la decisione di sospendere la mia campagna per la presidenza".

Booker, dopo aver partecipato ai primi cinque dibattiti, aveva fallito la qualificazione al sesto, che si è tenuto a dicembre, e al settimo, in programma domani. Secondo la media dei sondaggi di Real Clear Politics, a livello nazionale godeva dell'1,8% dei consensi; nei sondaggi nei primi quattro Stati al voto, a febbraio, godeva al massimo del 3 per cento. Ora, restano in corsa 12 candidati.