Usa 2020, nella notte elettorale persi 138 milioni di ore di sonno

Orm
·1 minuto per la lettura

Roma, 7 nov. (askanews) - Nella notte elettorale del 3 novembre gli americani hanno perso complessivamente più di 138 milioni di ore di sonno. La stima è tratta dalla proiezione dei dati raccolti con un dispositivo per il tracciamento del sonno, 'Oura ring' (anello Oura). Gli utilizzatori di questo dispositivo inventato in Finlandia nella notte che tradizionalmente porta all'elezione del nuovo presidente Usa hanno anche usato un 15% in più il tag 'stress' e un 9% in più quello che segnala uno stato di ansia. Si tratta del più forte crollo di ore di sonno in una sola nazione in tutto il 2020. Quella notte la partita per la Casa Bianca non è stata vinta né da Joe Biden né da Donald Trump, ma il dispositivo ha segnalato che già la notte successiva gli americani sono tornati a dormire le 7 ore di media usuali (contro le 6,5 dell'Election night).