Usa 2020, Renzi: Joe Biden è un mio fratello maggiore

Tor
·1 minuto per la lettura

Roma, 7 nov. (askanews) - "Per me Joe Biden è stato un punto di riferimento vero negli anni della presidenza Obama. Ho sempre considerato Joe come la persona da chiamare quando c'era da chiedere un consiglio, quello che nei momenti di tensione ti faceva la telefonata giusta per riprendere il filo del dialogo. È un uomo capace di sdrammatizzare e trasmettere empatia". Lo afferma in una intervista a la Stampa Matteo Renzi, festeggiando il probabile ingresso alla Casa Bianca da numero uno dell'ex vicepresidente di Barack Obama. Renzi, fra l'altro, smentisce le indiscrizioni di una iniziativa dei democratici Usa targata Obama per far nominare lui prossimo segretario generale della Nato. "Ma figuriamoci. Capisco che qualcuno vorrebbe togliermi di mezzo in Italia, ma questa ipotesi semplicemente non esiste. E meno che mai Obama ha fatto promesse all'Italia. Il prossimo segretario generale dovrà venire dall'Europa del sud, dopo un danese e un norvegese, ma questo non significa che ci siano impegni".