Usa: accordo dem su un piano infrastrutturale da 3.500 miliardi

·1 minuto per la lettura

AGI - I leader democratici al Senato hanno raggiunto l'accordo su un piano di investimenti infrastrutturali da 3.500 miliardi di dollari da includere in una risoluzione di bilancio da discutere a breve. Lo ha annunciato il leader della maggioranza al Senato, Chuck Schumer, dopo più di due ore di colloqui a porte chiuse tra i membri della Commissione Bilancio e i funzionari della Casa Bianca, ai quali non hanno preso parte i repubblicani.  "Aggiungendo questo ai 600 miliardi di dollari del piano bipartisan si arriva a 4,1 trilioni di dollari, una cifra molto vicina a ciò che il presidente Biden ci ha chiesto", ha detto Schumer.

Questo disegno di legge finanzierebbe la ricostruzione di strade, ponti e altre infrastrutture tradizionali, oltre a espandere il servizio Internet a banda larga in molte zone rurali degli Stati Uniti. Progressi sono stati registrati anche nei negoziati tra democratici e repubblicani sul pacchetto bipartisan. L'accordo da 3.500 miliardi di dollari, che deve ancora essere approvato dal comitato democratico del Senato composto da 50 membri, includerebbe un'espansione significativa del programma di assistenza sanitaria Medicare per gli anziani, uno degli obiettivi principali del presidente del comitato del bilancio Bernie Sanders, in cui rientrerebbe anche la copertura per l'assistenza sanitaria dentale, dell'udito e della vista.

I democratici mirano a far passare il piano infrastrutturale di Biden in due fasi: il disegno di legge bipartisan da 1.200 miliardi di dollari focalizzato su infrastrutture fisiche, come strade e ponti, e il disegno di legge da 3,5 trilioni di dollari che si concentra sull'assistenza domiciliare per anziani e bambini, cambiamento climatico e altre "infrastrutture" non tradizionali. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli