Usa, accuse da ex consigliera: Trump è razzista e misogino

A24/Pca

New York, 10 ago. (askanews) - Omarosa Manigault Newman, ex concorrente di "The Apprentice" diventata poi consigliera del presidente Donald Trump, ha scritto nel suo libro in uscita che il capo di Stato Usa è "razzista" e ha usato "molte volte" la 'N-word', ovvero la parola negro, durante le registrazioni del programma televisivo. Nel libro, ottenuto in anteprima da Nbc News, la donna racconta che esiste un nastro che prova le sue accuse. Manigault Newman, però, ha scritto anche di non aver mai sentito Trump pronunciare 'negro', una parola tabù negli Stati Uniti, e di non aver ascoltato la cassetta con le prove, ma ha citato tre fonti, che le hanno detto dell'esistenza del nastro e delle parole pronunciate da Trump.

Nel libro, l'ex consigliera ha anche scritto di aver maturato, durante la sua esperienza alla Casa Bianca, "una crescente consapevolezza" sul fatto che Trump "è razzista, bigotto e misogino", raccontando di aver vissuto esperienze "scioccanti" con lui, soprattutto negli ultimi due anni. Dopo aver fatto parte dello staff per la campagna elettorale di Trump, è stata una dei nove membri del team per la transizione presidenziale e, in seguito, consigliera del presidente, per un anno. A febbraio, Manigault Newman ha criticato Trump in un programma televisivo, affermando che non voterebbe di nuovo per l'attuale presidente.