Usa, al via dibattito in Senato su pacchetto Biden anti-pandemia da 1.900 mld $

·2 minuto per la lettura
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden presso lo Studio Ovale della Casa Bianca

WASHINGTON (Reuters) - Il Senato degli Stati Uniti, nettamente diviso, avvierà un controverso dibattito sul disegno di legge del pacchetto anti-pandemia da 1.900 miliardi di dollari, nella prima grande iniziativa legislativa del presidente Joe Biden, portata avanti dai democratici senza alcun sostegno repubblicano.

Il Senato ha votato ieri per approvare il disegno di legge con 51 voti a favore e 50 contrari con la vicepresidente democratica Kamala Harris che ha fornito il volo decisivo. Ma i repubblicani hanno ritardato l'inizio del dibattito imponendo per ore la lettura del testo integrale del provvedimento di 628 pagine.

Il Senato dovrebbe discutere il disegno di legge in giornata per tre ore prima di considerare una serie di emendamenti, che potrebbero richiedere una maratona di votazione, prima di votare sul passaggio finale in un processo che potrebbe estendersi nel fine settimana. Ci si aspetta che i repubblicani utilizzerrano manovre procedurali per rallentare il processo.

Se il Senato dovesse approvare il disegno di legge, questo dovrà essere rimandato alla Camera dei rappresentanti, a maggioranza democratica, per l'approvazione finale. I democratici sperano che Biden possa firmare il disegno di legge prima del 14 marzo, quando scadranno alcuni dei sussidi attuali.

Con un margine strettissimo di voti, i Democratici al Senato hanno modificato la misura per garantirsi il sostegno di tutti i 50 membri del partito. Questi cambiamenti porterebbero più aiuti agli Stati statunitensi più piccoli e aggiungerebbero denaro per progetti infrastrutturali, tra le altre modifiche.

Tuttavia, gli sforzi di alcuni senatori per modificare i sussidi federali temporanei di disoccupazione sono finora falliti. Il disegno di legge del Senato mantiene il piano della Camera con sussidi da 400 dollari a settimana fino al 29 agosto. Non è chiaro se qualche senatore proporrà di cambiare questa cifra, forse a 300 dollari, durante il processo di emendamento nei prossimi giorni.