Usa: attacco Iran, lievi traumi cranici per oltre 100 soldati

Ihr

Roma, 10 feb. (askanews) - Ad oltre 100 soldati statunitensi sono stati diagnosticati lievi traumi cranici a seguito dell'attacco missilistico iraniano dell'8 gennaio alla base militare di Al Asad in Iraq. Lo afferma un funzionario americano a conoscenza degli ultimi sviluppi. Si tratta di almeno altri 36 casi dalla fine di gennaio, quando il Pentagono ha dichiarato che a 64 membri del servizio erano state diagnosticate queste lesioni.

Il Pentagono e il presidente Donald Trump avevano inizialmente dichiarato che nessun soldato era stato ferito o ucciso nell'attacco missilistico iraniano, una azione di rappresaglia per il raid degli Stati Uniti del 2 gennaio che ha ucciso un alto generale iraniano.(Segue)