Usa, basta buoni per famiglie povere: Trump vuole pacchi alimentari

A24/Pau

New York, 13 feb. (askanews) - L'amministrazione Trump starebbe pensando di eliminare almeno la metà dei buoni pasto che lo Stato concede alle fasce più deboli, sostituendoli con pacchi alimentari inviati direttamente a casa delle famiglie. In questo modo, scrive Cnbc, il governo deciderebbe quali alimenti entrano nelle case di almeno 17 milioni di famiglie negli Stati Uniti. L'idea ricalca quella usata dalla startup Blue Apron, che consegna (in questo caso a famiglie senza alcun problema economico) scatole con tutto l'occorrente per preparare uno o più pasti. Il collegamento con la startup è stato fatto direttamente da Mick Mulvaney, direttore dell'Ufficio per la gestione e il bilancio della Casa Bianca.

Ma la proposta non piace a tutti. Intanto obbligherebbe il governo a una gestione logistica molto complessa, che va contro le promesse di semplificazione e di diminuzione della presenza dello Stato centrale nella vita degli americani. La Casa Bianca prevede che i pacchi alimentari andranno nelle case delle famiglie che ogni mese ricevono un buono di più di 90 dollari. In questo modo, sostiene il dipartimento dell'Agricoltura americano, in dieci anni si risparmieranno all'incirca 129 miliardi di dollari. (segue)