Usa, Biden: "Necessarie riforme sociali ma no a taglio finanziamenti polizia"

webinfo@adnkronos.com

Joe Biden crede che siano "urgentemente necessarie riforme sociali" ma queste non richiedono il taglio dei finanziamenti ai dipartimenti di polizia. Così un portavoce del candidato democratico interviene, con una dichiarazione alla Cnn, sul dibattuto crescente intorno al movimento 'Defund the police'.  

"Come ha chiarito con la proposta sulla giustizia penale mesi fa, Binden non crede che la polizia debba essere definanziata - ha detto il portavoce Andrew Bates - lui ascolta e condivide il profondo dolore e rabbia di chi chiede i cambiamenti, ed è impegnato ad assicurare che sia fatta giustizia e venga messa fine a questo terribile dolore". 

"Biden sostiene il bisogno urgente di riforme, compresa quelle della scuola pubblica, della salute mentale e dei programmi per le tossicodipendenze separati dai finanziamenti dei dipartimenti di polizia, così che - conclude la dichiarazione - gli agenti si possano concentrare sul lavoro di polizia". 

La dichiarazione del portavoce di Biden è arrivata in risposta a quelle di Tim Murtagh, il direttore della comunicazione di Donald Trump, che aveva detto che il candidato democratico "ha voltato le spalle alle forze dell'ordine" ed è pronto a schierarsi insieme "agli elementi più estremisti" del partito, tra i quali Alexandria Ocasi-Cortez e Ilhan Omar, che sostengono "Defund the police". A sostegno delle sue affermazioni, Murtagh ha citato il silenzio dell'ex vice presidente riguardo alle richieste del movimento che vuole definanziare la polizia: "Come dicono i dimostranti, il silenzio è assenso - ha detto - con il suo silenzio Joe Biden sta sostenendo il definanziamento della polizia".