Usa, budget bloccato al Senato, nuovo "shutdown" amministrazione

Red

Roma, 9 feb. (askanews) - E' in corso il secondo "shutdown" i tre settimane per l'amministrazione Usa, che alla mezzanotte locale di Washington, le sei in Italia, ha ufficialmente finito il denaro con cui mandare avanti le attività degli uffici federali. Al Senato il voto sul disegno di legge di spesa che prevede il finanziamento temporaneo del governo per altre sei settimane, è stato bloccato dal repubblicano conservatore Rand Paul, contrario all'aumento del deficit pubblico.

Ma potrebbe trattarsi di una "shutdown" della durata di poche ore, dato che il Senato si prepara a votare il testo nella prime ore di oggi e a inviarlo in tempi rapidissimi alla Camera per l'approvazione e poi alla firma del presidente Donald Trump in mattinata. In ballo c'è l'accordo sul budget raggiunto tra leader repubblicano e democratico al Senato, che aumenta il tetto del debito federale e i limiti di spesa del governo federale per il prossimi due anni. Ma la rivolta che serpeggiava tra senatori democratici e repubblicani è venuta alla luce quando Paul si è rifiutato di autorizzare la procedura d'urgenza sul testo in aula. "in tutta onestà non posso girare la testa dall'altra parte perchè ora il mio partito è complice dei deficit" ha detto Paul.

(segue)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità